Wine News11 luglio 2017

Un'offerta estesa di vini al bicchiere, una carta dei vini profonda e la presenza di bottiglie con buon rapporto qualità-prezzo: ecco la carta di vini ideale per i lettori di Wine Spectator, che danno alla presenza di vini rari un'importanza relativa

"Un'offerta estesa di vini al bicchiere, grazie". Questa è la caratteristica che la maggior parte dei partecipanti al sondaggio di Wine Spectator "Quando si esce a cena, cos'è particolarmente importante trovare in una carta dei vini?" apprezzerebbero in una carta dei vini ideale: seguono d'importanza "l'ampiezza di selezione offerta per ogni varietà o regione" e "la disponibilità di bottiglie con buon rapporto qualità prezzo". Secondo una delle più importanti riviste del settore enoico al mondo, una lista dei vini eccellente può aiutare i ristoranti a brillare veramente: testimoni sono i vincitori dei Restaurant Award che Wine Spectator indice ogni anno e che ha visto premiati con il Grand Award (il massimo riconoscimento della competizione) anche La Pergola di Roma, L'Enoteca Pinchiorri a Firenze, Il poeta Contadino ad Alberobello e l'Antica Bottega del Vino di Verona, fra i locali con migliori carte dei vini d'Italia.
"Dall'elenco di centinaia di selezioni all'offerta di bottiglie rare, i ristoranti hanno a disposizione innumerevoli chiavi per stupire gli amanti del vino", si legge su www.winespectator.com, e il 26% dei partecipanti al sondaggio evidentemente cerca la possibilità di non doversi dedicare ad una sola bottiglia di vino: per poterne assaggiarne più d'uno, per spendere meno o per questioni salutistiche, non è dato sapere, ma è un messaggio importante per chi si chiede come venire incontro alle richieste dei propri ospiti. La "profondità" (quantità di selezioni per diverse varietà/regioni) della carta è apprezzata dal 18% dei partecipanti mentre la possibilità di poter scegliere anche buoni vini a prezzi contenuti dal 17%.
L'"ampiezza" della lista dei vini (quantità di varietà/regioni presenti) è ritenuta un fattore importante per il 16% dei votanti mentre agli ultimi posti del sondaggio, e staccati di parecchio dalle 4 caratteristiche in cima alle preferenze, c'è la ricerca di una carta curata, dettagliata e con descrizioni dedicate ad ogni singolo vino (10%), la disponibilità di vini rari (7%) e la presenza di suggerimenti sull'abbinamento cibo-vino (3%).